Capo d’Orlando

Capo d’Orlando (Siciliano: Capu d’Orlannu) è un piccolo centro che sorge sulla costa nord della Sicilia, sul Mar Tirreno di fronte alle Isole Eolie.

Grazie alla sua posizione, a pochi chilometri dal Parco dei Nebrodi, e alla presenza di circa 7 Km di spiaggia, è diventato uno dei luoghi più amati della Sicilia. Il nome del paese si deve al paladino Orlando, che come dice la leggenda, sostò nel paese durante una crociata in Terra Santa. Dal promontorio è possibile ammirare il centro cittadino ed il suggestivo borgo di San Gregorio, oltre degli incantevoli tramonti, con il sole che fa un tuffo nell’acqua blu e limpida. San Gregorio, luogo in cui Gino Paoli fu ispirato per la scrittura della canzone “Sapore di Sale”, era un borgo di pescatori raggiungibile inizialmente solo tramite mare.

Poesia

MERAVIGGHIA CAPO D’ORLANDO

Capo d’Orlando
paisi di lu suli e di lu mari,
pa’ so’ biddizza
‘nto munnu faci parrari.
Pu so’ mari,
‘na canzuna
ci vosiru dedicari.
‘U paisi, si stenni
‘nta ‘na ranni chianura,
cu lu mari
a purtari friscura.
Supra lu munti,
pi taliari lu paisi
la Madonnuzza
a so’chiesa misi.
‘U ‘ beddu faru
amicu di piscatura,
faci lustru a sira
quannu scura.
‘Nto mari
li pisci vidi satari,
stinnutu ‘nta spiaggia
supra li pitritti
cu lu suli a pizzicari.
Terra mia,
luci di ‘me occhi,
‘nto ‘me cori sulu a tia.
Non ti vogghiu chiù vantari,
u tramuntu ‘me taliari.
Pruvati a ‘mmaginari !!!

– Federico Calderone

* Sapore di sale– Gino Paoli

vuelle-residence-capo-d-orlando-sicilia-vacenze-mare-punti-turistici-borgo-san-gregorio

Oggi a San Gregorio sono situati il porto di Capo d’Orlando; degli scavi archeologici rappresentanti la zona termale di una villa romana; la torre dei Quadaranini, risalente al XVI secolo. Inoltre, è possibile percorrere delle stradine immerse nel verde dei Nebrodi per arrivare in collina ed ammirare degli splendidi panorami che hanno come sfondo le Isole Eolie. Non molto distante dal centro si trova “Villa Piccolo”, risalente all’800 dove ha vissuto Lucio Piccolo cugino e amico di Giuseppe Tomasi di Lampedusa, autore de “Il Gattopardo”. A testimoniare il gran numero di incursioni effettuate nei secoli scorsi dai pirati vi è una fortezza (castello), che si trova in contrada Malvicino. Tale fortezza è chiamata “Castello Bastione“. Da pochi anni il castello è stato ristrutturato e adesso è sede di diversi eventi.